Come deve essere la campana per fare un buon taglio polverizzante?

Uno degli elementi fondamentali del brevetto GRIN è la campana di taglio.

 

La campana è fondamentale per fare una buona polverizzazione dell’erba. La prima cosa che si nota velocemente è la forma: è tonda.

Rispetto alle macchine con cesto di raccolta dove il piatto di taglio ha una sorta di “canale” che convoglia l’erba nel sacco posteriore, le macchine senza raccolta devono mantenere l’erba a lungo sospesa all’interno e continuare a farla girare per lavorarla al meglio (per questo una campana tonda è decisamente preferibile).

 

Ma se voglio fare un’ottima polverizzazione dell’erba, non dover tagliare tutti i giorni il prato e lavorare in condizioni difficili tipiche dei nostri manti erbosi fare una campana tonda non basta.

 

Il piatto di taglio deve avere 3 caratteristiche fondamentali:

  • essere molto ALTO per contenere tanta erba
  • essere internamente molto LISCIO per evitare l’accumulo di erba
  • essere RIGIDO per evitare la dispersione di materiale

 

Ricordiamoci che in Italia l’erba cresce tanto e velocemente. Spesso, anche se sarebbe meglio non farlo, ci troviamo a tagliare in condizioni di erba umida e troppo alta. Per questo una macchina senza raccolta non adatta non va bene, vi rovinerà il prato e non vi farà risparmiare tempo e fatica. Sarà quindi necessario fare molta attenzione alle caratteristiche del piatto di taglio rispetto a quanto invece si può fare in paesi dove il clima rigido fa crescere l’erba molto meno (ad Es. i paesi scandinavi)

 

La campana brevettata di GRIN è:

  • la più alta esistente sul mercato (quasi il doppio di un tradizionale tagliaerba Mulching)
  • fatta in uno stampo unico per non avere giunture e rinforzi che creino accumuli di erba
  • in acciaio molto spesso (circa il doppio del normale) per evitare che si deformi e perda materiale durante il sovraccarico di lavoro o a causa del terreno sconnesso

CLICCA QUI E GUARDA QUESTO VIDEO COMPARATIVO

Utilizzare una campana del genere è l’unica scelta per operare un taglio senza raccolta di qualità senza dover triplicare i tagli rispetto alla macchina con cesto.

Certamente i materiali utilizzati, il processo di lavorazione e di industrializzazione degli stessi e l’assemblaggio risultano più costosi. Ma a giovare di tutto questo non sono solo le performance del taglio ma anche la durata del tagliare nel tempo e i costi di manutenzione. Materiali più pregiati e tecniche di lavorazione più avanzate sono sinonimo di maggior resistenza nel tempo, minori problemi di rotture, maggior mantenimento delle performance negli anni.

 

Taglio polveriizante VS mulching tradizionale

Quando taglio l’erba posso lasciarla sul prato senza rovinarlo? 

SI ma solo se questa è finemente lavorata e polverizzata. 

 

Se l’erba tagliata dal vostro rasaerba si deposita in pezzi grossi e in grande quantità sulla superficie dell’erba lo sfalcio si accumula e soffoca il prato (oltre ad essere esteticamente brutto e praticamente scomodo).

Se invece l’erba è depositata in pezzi molto piccoli (o meglio ancora in polvere) sul prato, si infilerà tra i fili d’erba, andrà a contatto con il terreno e quindi potrà essere assorbita dal terreno stesso.

 

Questa differenza di “dimensione” è fondamentale per il taglio senza raccolta.

L’erba polverizzata è un concime naturale per il prato ricco di azoto, non si vede in superficie e quindi il taglio risulta esteticamente perfetto, viene assorbita velocemente grazie alla flora microbatterica presente nel terreno.

 Ma come faccio a polverizzare l’erba? 

Esistono macchine tagliaerba che invece di raccogliere lo sfalcio all’interno di un cesto di raccolta lavorano l’erba all’interno della campana per poi rilasciarla sul terreno. Queste macchine senza raccolta sono nate tanti anni fa negli Stati Uniti. Purtroppo però costringono ad un taglio molto molto frequente (anche più di una volta a settimana) e quindi non hanno mai avuto successo in zone dove l’erba cresce molto velocemente come l’Italia.

Dovete infatti sapere che l’erba cresce molto nei paesi con clima mite e forte alternanza di pioggia e sole. Il troppo caldo e il troppo freddo non aiutano la crescita del prato (infatti il prato cresce rapidamente in primavera -autunno e meno in estate e in inverno)

Quindi in Italia per polverizzare l’erba devo aumentare notevolmente i tagli?

NO se uso la macchina giusta e studiata per i nostri prati.

GRIN ha brevettato un sistema di taglio che polverizza l’erba anche in situazione difficili … e in situazioni facili fa un residuo più fine rispetto alle normali macchine Mulching (quelle adatte ai climi freddi o ai tagli molto molto frequenti)

Vi faccio un esempio puramente indicativo per farvi capire meglio il concetto.

Se taglio l’erba alta 10 cm e voglio portarla a 4 cm (una crescita normale in una settimana di primavera): Devo tagliare 6 cm di erba.

  • Con una macchina con raccolta questi 6 cm vengono buttati tutti nel cesto di raccolta e poi smaltiti.
  • Con una macchina mulching li taglierà in 3-4 pezzi grandi circa 2 cm: troppo per essere assorbiti dal terreno.
  • Con GRIN i pezzi saranno molto più fini e quindi adatti alla trasformazione rapida in concime per il prato.

 

Esistono prati mantenuti con il taglio senza raccolta in Italia?

Si moltissimi. Nei campi da golf per esempio l’erba non viene raccolta … e il prato è bellissimo!!

E’ vero che però in queste strutture si taglia tutti i giorni.

Con GRIN circa 35.000 persone mantengo il loro giardino con meno fatica e perdita di tempo e con un ottimo risultato sul prato. Queste persone riescono a farlo mantenendo una frequenza di taglio uguale ad una corretta manutenzione fatta con una macchina tradizionale.

 

E se l’erba è molto alta GRIN funziona lo stesso?

SI, ma la polverizzazione sarà minore. Mi è capitato di dover sfasciare con GRIN prati con erba alta 40 cm. In questo caso la polverizzazione non sarà efficace come su erba di 10-15 cm … ma la macchina riuscirà comunque a lavorare l’erba con un risultato ottimo per quelle condizioni di prato rustico.

La mancanza del cesto di raccolta (e quindi del tubo di raccordo tra macchina e cesto) farà si che il tagliaerba GRIN sia molto meno soggetto a sovraccarichi e intasamenti

Tagliaerba di che dimensione? Tagliaerba grande o piccolo?

dimensione-tagliaerba

I tagliaerba si differenziano per le dimensioni della lama.

Molto spesso il numero contenuto nel nome del modello di tagliaerba indica la lunghezza della lama (ad esempio GRIN HM46 è un modello con lama 46cm).

Attenzione che la lunghezza della lama non corrisponde alla larghezza del tagliaerba … perché oltre alla lama c’è l’ingombro del telaio o di arte parti sporgenti.

La larghezza della lama determina la superficie che si può tagliare con una passata … in poche parole la larghezza della striscia che fate durante il taglio (anche questo è parzialmente vero … perchè quando tagliate le strisce si accavallano più o meno leggermente).

Naturalmente più è grande la striscia, meno striscie fate e più in fretta taglierete il vostro prato.

Anche in questo caso però fate attenzione non solo alle dimensioni ma anche alle caratteristiche del vostro giardino per scegliere la dimensione ideale.

Avete dei passaggi stretti? Misurate la dimensione per vedere se il vostro tagliaerba passa
Avete molti ostacoli? Un tagliaerba più piccolo risulta più maneggevole
Avete spazi molto aperti? un tagliaerba più grande fa al caso vostro.

Dovete anche pensare al tipo di tagliaerba che state acquistando. Chi acquista un tagliaerba con cesto di raccolta tende ad acquistare un tagliaerba grande per avere un cesto capiente e fermarsi meno volte a svuotarlo.

Con un tagliaerba senza raccolta è invece più comodo avere un tagliaerba più piccole e maneggevole … perché non ci sono cesti da svuotare e 1-2 passate in più non creano grande perdite di tempo.

Per farvi un esempio pratico su 1.000 mq in un giardino “normale” tra un tagliaerba GRIN a lama 46 cm e uno a lama 53 cm c’è una differenza di circa 10 minuti di tempo. Se per voi questi 10 minuti sono determinanti prendete quello più grande … se preferite privilegerà la maneggevolezza e la comodità di uso prendete quello più piccolo (risparmierete anche un pò di soldi).

Un’altra questione che va presa in considerazione è l’utilizzatore. Per un privato 10 minuti ogni taglio non sono di solito un problema e leggerezza, comodità nelle manovre e possibilità di fare finiture negli spazi stretti sono fondamentali. Per un professionista invece 10 minuti ogni 1.000 mq sono importanti e il peso e la maneggevolezza non sono un problema per persone che sono abituate all’utilizzo di macchine ben più faticose.

Per un rasaerba senza raccolta GRIN le dimensioni che consiglio sono:
0-200 mq: lama 37 cm
200-1.200 mq: lama 46 cm
1.200 mq in su: lama 53 cm
Naturalmente le variabili delle caratteristiche del giardino o dell’utilizzatori di cui ho scritto sopra possono far variare questa scelta.

Se sei indeciso … sul sito www.mygrin.eu trovi una sezione che ti aiuta a scegliere il modello adatto !!!

Siamo sicuri che il futuro siano i motori a batteria?

futuro-motori-batteria

Per quanto riguarda i macchinari per la manutenzione del giardino i motori a batteria non sono il futuro … ma sono già il presente !!!

Guardatevi questa prova in campo, cliccando QUI

Qualche anno fa ho iniziato la mia personale esperienza con un tagliaerba a batteria GRIN (il modello BM46-36V) apprezzando la bellezza di utilizzare un motore elettrico ma senza il cavo.

La comodità di:
• non doversi preoccupare di fare il pieno di benzina
• tagliare senza odori e rumori fastidiosi
• accendere il tagliaerba con un pulsante
• diminuire i costi di esercizio e di manutenzione
• ecc .

….sono aspetti di cui vi ho parlato più volte in questo Blog.

Ma devo dire che fino ad oggi non me la sentivo di consigliare il taglierba a batteria a tutti: le estensioni erano limitate a 400-500 mq, la frequenza dei tagli doveva essere abbastanza costante, l’erba molto alta metteva un pò in difficoltà la macchina o aumentava molto i consumi.

Per cui fino ad oggi il tagliaerba a batteria era consigliato a chi aveva una cura del prato un pò più accorta, per tutti gli altri c’era il taglierba a benzina.

Dopo un anno di test del tagliaerba GRIN BM46-82V, il nuovo taglierba GRIN con motore Briggs&Stratton da 1,5KW e batteria agli ioni di Litio 82V, la mia percezione dei taglierba a batteria è cambiata.

Quest’ anno abbiamo fatto provare la macchina a circa 400 utilizzatori in 4 nazioni europee. Hanno provato rivenditori, tecnici, giardinieri, privati in condizioni molteplici: erba alta e bassa, asciutta e bagnata, rustica e curata.

Abbiamo tagliato estensioni di più di 800 mq con una sola carica tagliando per 1 ora di fila. Abbiamo giocato con questo tagliaerba in erba altissima senza riuscire a spegnerlo.

Abbiamo scoperto una nuova motorizzazione a 82V che stupirà gli utilizzatori.

Il giudizio è stato sempre uno soltanto: un rasaerba che eguaglia e a volta supera le prestazioni di un motore tradizionale a Benzina.

Avete mai letto delle prestazioni di una famosa automobile elettrica come la Tesla? Qui sotto un confronto e il paragone con una Bugatti:

Stupiti? credo molti di voi NO.

Per cui perchè un tagliaerba a batteria non deve essere performante??

Chiaramente anche nella gamma tagliaerba a batteria c’è un pò di tutto … dal giocattolo al prodotto professionale. Oggi sicuramente se si vuole un prodotto con buone prestazioni bisogna spendere un pò, ma questi soldi vengono sicuramente recuperati con i costi di esercizio più bassi e con l’esperienza di taglio migliorata (cosa che a mio avviso vale da solo la spesa !!!)

Altre cose che devono essere considerate in fase di acquisto sono:
Struttura della macchina: se volete una macchina prestante non dovete guardare solo al motore a batteria ma anche al “telaio” che ci sta sotto (evitate la plastica!!!)
Potenza del motore: guardate i dati di potenza espressa e il voltaggio delle batterie
Durata della batteria: valutate l’amperaggio della batteria e la possibilità \ costo dell’acquisto di una seconda batteria per estensioni grandi
Tempi di ricarica: valutate i tempi di ricarica che possono essere interessanti se dovete tagliare in condizini difficili.

Clicca QUI e scopri tutto di BM46-82V

E se prendo un sasso mentre taglio il prato?

sasso-rasaerba

Spesso mi chiedono cosa succede quando con un raserba GRIN prendo un sasso mentre sto tagliando il prato!!

La domanda purtroppo è un pò generica … ma proviamo a fare chiarezza. Dipende molto se intendiamo un sassolino che si muove all’interno della calotta di piccole dimensioni e non fisso nel terreno oppure di un sasso “incastrato” per terra su cui la lama si blocca di colpo.

Nel primo caso il problema è minore …il sasso va nell’apparato di taglio e sbatte “libero” contro campana e lama. Il pericolo è che se mi trovo in presenza di telai in plastica o in alluminio si possono bucare. Con una macchina come GRIN questo pericolo è pressochè inesistente, infatti le macchina ha:

• Calotta in accciaio spessore 3mm (contro 1,5 – 2 mm usati noprmalmente) completamente chiusa che evita a sassi “normali” qualsiasi tipo di problema di foratura.
• Assenza raccordo con il cesto in plastica (perchè il cesto non c’è!) che può essere rotto dal sasso.
• Assenza di cesto che può essere bucato dal sasso.
• Lama in materiale qualitativo con trattamento brevettatto particolarmente resistente e con una possibilità di essere affilata molte volte senza problemi (durata 3-4 volte superiore rispetto a una lama tradizionale)

Nel secondo caso, quella di un sasso fisso nel terreno, la situazione è più complicata perchè la lama, “lanciata” a 2.900 giri di velocità va da impattare con un ostacolo che non si sposta.

In questo caso i rischi che un normale tagliaerba può correre sono sia la rottura della lama che lo stortarsi dell’albero motore (rotture che prevedono riparazioni lunghe e costose, soprattutto nel caso dell’albero).

Per questa situazione più estrema, che normalmente capita solo su giardini particolarmente sconnessi o con utilizzatori particolarmente “distratti”, GRIN ha inventato un CONO SALVAMOTORE che minimizza la possibilità di stortare l’abero del 99%.

In questo video vi spieghiamo come funziona: clicca QUI per vedere il video.

P.S: ll CONO SALVAMOTORE è di serie sui modelli della liena professionale GRIN mentre si può montare come Optional sulle altre macchine con motore a scoppio

Per info sui prodotti che montano questo cono clicca QUI

Che dimensione deve avere il mio tagliaerba senza raccolta? Meglio trazionato o a spinta?

Tagliaerba trazionato o a spinta

Voglio un tagliaerba di nuova generazione senza raccolta … che modello devo scegliere???

Una domanda che tutti dovrebbero porsi attentamente per prendere la macchina rasaerba adatta alle proprie esigenze e spendere bene i propri soldi.

Ma non sempre è facile districarsi in mezzo a schede tecniche piene di numeri che indicano la potenza dei motori, la dimensione delle lame, la presenza di trazioni, ecc ….

Per chiarirvi le idee investite 10 minuti e leggete questo articolo di Giardinaggio.it: clicca QUI per leggere l’articolo

Notizie da Giardinaggio.it – Accendere un tagliaerba con un pulsante

Accendere un tagliaerba

Quante volte mi è capitato di sentire persone che non riescono ad accendere un tagliaerba con la fune di avviamento?? MIGLIAIA !!!

Alcune volte a dire il vero è un pò colpa di una cattiva manutenzione del motore e quindi per queste problematiche vi rimando a questo video TUTORIAL con i consigli sulla manutenzione facile: clicca QUI per vedere il video

Altre volte invece l’operatore non ha la forza di tirarre la fune nella maniera corretta e la macchina fa fatica ad andare in moto. Capita sempre più spesso perchè sono tantissime le donne o le persone non più giovani a mantenere il giardino.

Altre volte ancora ci sono persone che vorrebbero avere una comodità in più e la possibilità di accendere il rasaerba solo premendo un pulsante come fanno con il proprio scooter.

OGGI con le macchine GRIN della serie IS è possibile avere sui motori a scoppio un motorino eletttrico che permette l’ACCENSIONE CON UN PULSANTE posto sul manico !!!

Per capire meglio il funzionamento vi cosiglio di leggere l’articolo su giardinaggio.it con la spiegazione dettagliata del sistema

Per leggere l’articolo clicca QUI

Notizie da Giardinaggio.it – La costruzione dei tagliaerba GRIN

Costruzione taglierba

Il telaio di un tagliaerba è la cosa più importante per una macchina che serve per tagliare il prato.

Se un rasaerba ha un motore molto potente ma un telaio “scarso” la qualità del taglio ne risente moltissimo e le prestazioni del motore svaniscono. Certo giudicare un telaio è più difficile di giudicare un motore (di cui posso tradurre in mumeri la potenza, la cilindrata, ecc,…); un telaio è fatto di spessori di materiali, di saldature, di qualità della materia prima, di scelte tecniche, ecc

L’importanza del telaio, in gergo chassis, è ancora più determinante nelle macchine senza raccolta. In una macchina con cesto infatti il telaio serve “solo” per portare l’erba dalla sezione di sfalcio al cesto di raccolta. In una macchina senza raccolta il gioco si svolge all’interno della calotta: è qui che l’erba viene lavorata !!

Se volete capire meglio perchè le macchine GRIN hanno prestazioni così diverse dalle altre leggete sul sito di giardinaggio.it . Qui si piega come viene costruito un telaio GRIN.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO

1 2 3