PREMESSA:
La rubrica “I consigli del Giardiniere” è uno spazio dove intendiamo raccogliere consigli utili alla manutenzione del giardino. Sono regole di base che valgono sia con le macchine con raccolta, come con le macchine Grin TAGLI, NON RACCOGLI, NON VAI IN DISCARICA.
Ricordiamo che con un tagliaerba Grin non è necessario modificare le proprie abitudini rispetto ad una macchina con raccolta. (se invece adottate altri tipi di macchinari, ad esempio i “mulching classici” o le “3 in 1”, le frequenze di taglio devono essere aumentate e le altezze di taglio minori.)
Ricordiamo anche che queste regole permettono di ottenere risultati ottimali, ma non sono vincolanti per l’utilizzo dei macchinari Grin, che funzionano anche in situazioni più complicate (es. erba più alta). Più queste regole verranno seguite e rispettate … più il vostro prato sarà bello!!


Il primo taglio dopo aver seminato il prato

Avete appena seminato il prato??? Ora dovete effettuare il primo taglio della vita del vostro nuovo manto erboso.

Il primo taglio del prato è il taglio più delicato.
Il prato appena seminato o impiantato è ancora molto giovane … e quindi molto debole. Dobbiamo essere delicati e non farlo soffrire.

Una delle domande più frequenti è quella di quando effettuare il primo taglio?

La risposta più semplice e banale è quella di aspettare che l’erba sia alta almeno 8 cm, in realtà è anche molto importante capire se le radici delle piantine d’erba sono ben salde nel terreno: più una radice va in profondità, più la pianta sarà forte e pronta a subire un shock con il taglio. Provate quindi a strappare un ciuffo d’erba se questo opporrà una certa resistenza allo strappo il prato sarà pronto per essere tagliato, in caso contrario conviene aspettare ancora qualche giorno.

Un’altra cosa molto importante è quella di effettuare dei tagli asportando pochissima porzione del prato, al massimo 2-3 cm (lasciando quindi che l’altezza del prato dopo il taglio sia di circa 6 cm). Effettuate così i primi 3 tagli … con una frequenza tra uno e l’atro di 4-5 giorni. In questa maniera non provocherete dei danni ad un filo d’erba ancora molto tenero e giovane. Il prato avrà in questo modo il tempo di fortificarsi e potrete tagliarlo meno spesso ed anche più basso.

Cercate di tagliare il prato quando è asciutto: soprattutto quando è giovane il filo d’erba tende a schiacciarsi quando lo calpestate con i piedi o con il peso del tagliaerba … se lo fate con l’erba bagnata questo problema è maggiore. Inoltre le radici, che non sono ancora penetrate in profondità, non hanno ancora la forza necessaria per far “rinvenire” il filo d’erba.

Avere un po’ di pazienza nelle prime settimane di vita del prato vi permetterà di avere un prato più bello e forte in futuro.

Ora il prato è pronto per la normale manutenzione!!


P.S. i prati sono molto diversi tra loro … tipo di terreno, tipo di semenza, esposizione al sole, condizioni climatiche, noi proponiamo delle regole di base, se avete dubbi sulla vostra situazione rivolgetevi ad un bravo giardiniere o agronomo che vi potrà consigliare